I manga che compiono 25/30/35/40 anni nel 2020

I manga che compiono 25/30/35/40 anni nel 2020

Nonostante siano passati diversi anni dalla prima uscita, questi manga continuano a rimanere nella memoria e nei cuori di ogni appassionato. Noi di NipPop vi proponiamo dieci titoli imperdibili che nel 2020 festeggiano traguardi storici!

Dr. Slump (Akira Toriyama, 1980)

Il primo della lista a spegnere 40 candeline è il manga che ha consacrato al pubblico internazionale il grande maestro Akira Toriyama, ovvero Dr. Slump! Prima dell’enorme successo di Dragon Ball, nel 1980, esce sulla rivista Weekly Shōnen Jump l’esuberante e geniale Dr. Slump, vincitore dell’ambito premio Shogakukan. Le avventure di Arale, robot dalle sembianze di una bambina, e del Dr. Slump (Senbee Norimaki), il suo creatore, hanno conquistato immediatamente non solo il Giappone, ma il mondo intero! In Italia arriva nel 1996 grazie alla Star Comics, mentre l’anime approda nel 2001, quattro anni dopo rispetto alla prima giapponese.

Candy Candy (Kyoko Mizuki, Yumiko Igarashi, 1975)

Sono passati ben 45 anni dalla prima pubblicazione del celebre manga Candy Candy in Giappone, 40 invece dalla prima edizione italiana. Pubblicato dalla casa editrice Kōdansha, in Italia arriva grazie a Fratelli Fabbri Editori, che prolungò le uscite aggiungendo un sequel alla storia originale, totalmente inventato e disegnato da autori italiani. La travagliata storia d’amore della giovane Candy ha fin da subito conquistato il pubblico internazionale, consacrando il manga nell’Olimpo del genere shōjo.

Gigi la trottola (Noboru Rokuda, 1980)

Dasshu Kappei, titolo originale di Gigi la trottola, viene pubblicato per la prima volta nel 1980 dalla Shogakukan sulla rivista Weekly Shōnen Sunday. Nata dalla mente di Noboru Rokuda, la storia segue le peripezie di Kappei Sakamoto, un ragazzo portato per qualsiasi sport ma che sceglie il basket come vocazione, nonostante il suo metro d’altezza. Il manga arriva in Italia grazie a Star Comics nel 2000: doppio compleanno quindi per questo lavoro unico nel suo genere.

L’incantevole Creamy (Kazunori Itō, Yuko Kitagawa, 1984)

Nel 1985 arriva in Italia, sul Corriere dei Piccoli, Creamy Mami, adattamento manga del famosissimo anime L’incantevole Creamy (Mahō no tenshi Kurīmī Mami) distribuito dalla Kōdansha parallelamente alla trasmissione dell’anime in Giappone nel 1983. Sono quindi trascorsi 35 anni dalla prima apparizione di Yū Morisawa nei panni dell’icona del pop Creamy Mami, grazie ai poteri che il folletto PinoPino le ha donato. Anche a distanza di anni, questo splendido manga continua ad alimentare i sogni di grandi e piccoli, in particolare tra il pubblico femminile.

Slam Dunk (Takehiko Inoue, 1990)

Colonna portante dello sviluppo degli anime sportivi, Slam Dunk ha contribuito a dare grande notorietà al basket nipponico, inducendo molti ragazzi a preferirlo come scelta tra le attività proposte dai vari circoli studenteschi. Edito dalla Shūeisha sulla rivista Weekly Shōnen Jump, la storia ruota attorno al protagonista Hanamichi Sakuragi e alle situazioni tragicomiche in cui puntualmente si ritrova. Arrivato in Italia grazie alla Panini Comics nel 1997, Slam Dunk è un manga che non poteva assolutamente mancare in questa lista.

Yu degli spettri (Yoshihiro Togashi, 1990)

Nato dalla mente del maestro Yoshihiro Togashi, Yu degli spettri (Yū Yū Hakusho) approda sulle pagine della rivista Weekly Shōnen Jump nel 1990. In Italia, l’opera arriva in una prima versione incompleta nel 1998 grazie a Star Comics, mentre per la versione ufficiale bisognerà attendere il 2000. Le avventure di  Yusuke Urameshi tra il mondo dei vivi e quello dei morti hanno da subito attirato un vasto pubblico, procurando al manga un successo strepitoso.

Ranma 1/2 (Rumiko Takahashi, 1987)

Sono 30 candeline anche per la versione italiana del capolavoro di Rumiko Takahashi, pubblicato prima da Granata Press, poi da Star Comics. La prima pubblicazione giapponese risale, invece, al 1987 sul settimanale Weekly Shōnen Sunday. Questo manga intramontabile racconta le vicende di Ranma Saotome, ragazzo che a causa di una maledizione che lo fa tramutare in ragazza è spesso protagonista di bizzarri fraintendimenti e curiosi intrecci sentimentali. Necessario ricordare che Ranma 1/2 è tuttora uno dei manga più venduti non solo in Giappone ma a livello internazionale.

Alita l’angelo della battaglia ( Yukito Kishiro,1990)

Gunnm è il titolo originale di Battle Angel Alita, manga edito da Shūeisha e pubblicato dal 1990 su Business Jump. La prima pubblicazione italiana è della Granata Press, tuttavia è rimasta incompleta in seguito al fallimento della casa editrice: è Planet Manga a portare nel nostro paese la collana completa dal 1997.  L’enorme successo del personaggio di Alita, ragazza cyborg combattente, aumenta con gli anni, grazie anche all’anime e all’OAV.

Angel Sanctuary (Kaori Yuki, 1995)

Sono passati 25 anni dalla prima pubblicazione di Angel Sanctuary, edito da Hakusensha per la rivista Hana to yume. La storia di Setsuna Mudo vede l’adolescente, che si rivela essere la reincarnazione di un angelo ribelle, sacrificare anima e corpo in una battaglia per salvare l’amata Sara. In Italia il manga è edito da Planet Manga in 26 volumi (20 nella ristampa).

Trigun (Yasuhiro Nightow,1995)

Non può mancare nella nostra lista l’anniversario di Trigun, pubblicato dal maestro Yasuhiro Nightow nel 1995 per la rivista Monthly Shōnen Captain. La storia di Vash the Stampede, il tifone umanoide, ha riscosso un successo immediato sin dalla sua prima edizione. Nonostante ciò, in Italia è arrivato solo nel 2001 in una versione incompleta, recuperata più tardi, nel 2007, da Jpop. Il seguito Trigun Maximum, edito da Shōnen Gahōsha, si è concluso nel 2007 dopo dieci anni di pubblicazioni.

Sailor Moon (Naoko Takeuchi,1991)

Per chiudere la lista non potevamo che scegliere uno dei manga che hanno fatto la storia. Sailor Moon, opera immortale di Naoko Takeuchi, vede la luce nel 1991 sulla rivista Nakayoshi, L’anniversario che si celebra nel 2020 è quello della versione italiana, pubblicata per la prima volta nel 1995 grazie a Star Comics. Inutile ricordare l’enorme successo delle guerriere vestite alla marinaretta, icone pop in tutto il mondo e protagoniste di numerosi riadattamenti nonché di un ricco merchandising.

Manga storici, manga imperdibili, manga che hanno segnato la nostra infanzia e adolescenza. Nonostante il numero di candeline spente, il 2020 è sicuramente l’anno giusto per riprendere (o iniziare!) a leggere queste opere memorabili che non hanno perso il loro fascino nemmeno con il passare dei decenni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *