Waiting for NipPop – Appetizer

13 marzo – 8 maggio 2019
Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne
via Cartoleria 5 – Bologna

Ritorna l’appuntamento con Waiting for NipPop, che – in collaborazione con Power to the Pop – Osservatorio sulle culture pop contemporanee – quest’anno propone una rassegna in 3 incontri dal titolo Waiting for NipPop – Appetizer. Un succoso antipasto in vista della nona edizione di NipPop, dedicata alla food culture: #FoodPop: Giappone da gustare. Se nel corso del festival, il 17-18-19 maggio, parleremo del ruolo che la cultura contemporanea in tutte le sue forme ha non solo nella costruzione e definizione della food culture ma anche nel connotare la cucina con nuovi significati, gli appuntamenti di Waiting for NipPop si soffermeranno invece sul lato oscuro del cibo, su come diventa metafora ed espressione di paure e desideri inconfessabili, sul legame sottile fra antropofagia ed erotismo.

13 MARZO, ore 17:30

“You are what you eat” – A cena coi cannibali

Waiting For NipPop 1

a cura di Gino Scatasta
Aula IX
Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne
via Cartoleria 5 – Bologna

“Dis-moi ce que tu manges, je te dirai ce que tu es”, scriveva Anthelme Brillat-Savarin nel suo Physiologie du Gout, ou Meditations de Gastronomie Transcendante del 1826. Se fosse vero, questo potrebbe spiegare la decadenza dell’Occidente, da quando ha smesso di essere cannibale o di nutrirsi di selvaggina, preferendo cibi scialbi o animali in prigionia: la scarsa vitalità degli animali si sarebbe trasmessa a chi se ne nutre, provocando una lenta degenerazione della razza. Ma ovviamente l’ipotesi non ha alcun fondamento scientifico.

In letteratura il cannibalismo, sia esso per libidine o per altre, altrettanto discutibili, ragioni, è stato variamente utilizzato: come forma di satira, poco compresa, quando Swift proponeva di mangiare i poveri per risolvere il problema della povertà; o più spesso come forma di atroce vendetta, come nel caso classico di Atreo e Tieste riadattato più e più volte, da Shakespeare a Greenaway. Fino al manifesto antropofago del poeta modernista brasiliano Oswald de Andrade, ai Giovani Cannibali italiani degli anni Novanta del secolo scorso o alle raffinatezze culinarie di Hannibal the Cannibal.

3 APRILE, ore 17:30

Morsi d’amore: la strana storia di Issei Sagawa

Waiting For NipPop 2

a cura di Paola Scrolavezza
Sala Convegni
Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne
via Cartoleria 5 – Bologna

È il 1981 quando Issei Segawa, 28 anni, allora studente di letteratura a Parigi, uccide la compagna di studi Renée Hartevelt, della quale si era invaghito, e fa a pezzi – che  conserva gelosamente nel congelatore – il suo corpo. Pare che quando la polizia andò a prelevarlo ne avesse già mangiati 7 chili. Rampollo di una ricca famiglia di Tokyo, con importanti agganci politici, oggi è un uomo libero, che vive grazie ai proventi di interviste e apparizioni televisive. Il settimanale Sunday Mainichi lo ha inserito tra i 100 protagonisti della storia giapponese del dopoguerra. Il cannibale fa audience.

 

8 MAGGIO, ore 17:30

Erotismo à la carte: storie di sushi e di Mars

Waiting For NipPop 3

a cura di Gino Scatasta e Paola Scrolavezza
Sala Convegni
Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne
via Cartoleria 5 – Bologna

Quello fra erotismo e cibo è uno dei connubi più abusati, dalla letteratura al cinema, dagli editoriali sulle riviste di gossip (“Eros e cibo: mangia come fai l’amore”) ai social, Instagram in primis. Dall’antropofagofilia, detta anche cannibalismo per libidine, una rara perversione nella quale la fantasia di mangiare la persona amata procura eccitamento sessuale, al linguaggio amoroso che tende, scherzosamente, a parlare di “mangiare di baci” e a utilizzare un linguaggio cannibalesco nel rapporto erotico, un viaggio da est a ovest, dalla moda del body sushi a quella dello sploshing, passando per le leggende metropolitane della Swinging London.

WWW.NIPPOP.IT | WWW.NIPPOP-EVENTI.IT

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *