Miyamoto Teru, Bagliori Fatui

Martedì 27 febbraio 2018, ore 19:00

La confraternita dell’uva // Libreria – Cafè – Wine Bar

Via Cartoleria 20/BBologna

Bagliori Fatui di Miyamoto Teru

con Paolo Villani, curatore dell’edizione italiana

conduce Paola Scrolavezza

In collaborazione con il Centro Studi Power to the Pop: osservatorio sulle culture pop contemporanee

Otto racconti sospesi tra realismo e impressionismo, per una scrittura attenta ai dettagli, i più crudi, i più sordidi, alle storie degli emarginati, degli indigenti, di chi verso la vita ormai prova solo stanchezza. “Una classe operaia smarrita, lasciata indietro dal vertiginoso progresso economico giapponese degli anni Sessanta, in bilico tra tradizione e modernità. Sull’onda dei ricordi della sua infanzia, Miyamoto ci rimanda ai meravigliosi scorci della regione di Osaka-Kobe, ai quartieri di periferia, ai villaggi di campagna, ai bagliori sulle onde dell’agitato Mar del Giappone, al lento muoversi di anime fruscianti sotto cieli plumbei” (dal sito di Carbonio Editore).

“L’ho capito già, sai, cosa ti ha spinto a venire da Osaka a Tokyo. L’accendino a petrolio Dunhill. Lo lasciai nel cappotto che diedi a quello strano tipo con la testa rasata che gli veniva da morire e da vivere migliaia di volte al giorno”.

Miyamoto Teru è nato a Kobe, in Giappone, nel 1947 e si è laureato alla Otemon Gakuin University. Per la prima volta tradotto in Italia, è uno degli scrittori più popolari e amati nel suo Paese ed è conosciuto in tutto il mondo. Le sue storie semplici, evocative, elegiache, ambientate nella regione operaia di Osaka-Kobe, lo hanno reso un vero e proprio fenomeno letterario ed è stato insignito di numerosi riconoscimenti. Dal racconto Bagliori fatui, contenuto in questa raccolta, nel 1995 è stato tratto il film Maboroshi no Hikari di Kore-eda Hirokazu.

Paolo Villani, professore associato presso il DISUM della Università degli Studi di Catania, si è occupato di storia della filosofia e della scienza in Giappone prima di dedicarsi alla letteratura e in particolare alla traduzione. Fra i suoi numerosi lavori, la traduzione in italiano della prima opera della letteratura giapponese, risalente al secolo ottavo, Kojiki. Un racconto di antichi eventi, Venezia, Marsilio, 2006 e i racconti di Ryūnosuke Akutagawa in Akutagawa Ryūnosuke, Racconti e altri brevi scritti, Roma, Aracne, 2014. Attualmente si sta occupando di turpiloquio e maledizioni giapponesi.

WWW.NIPPOP.ITWWW.NIPPOP-EVENTI.IT

NipPop X NerdShow Bologna

Sabato 10 e domenica 11 febbraio – Fiera di Bologna

NIPPOP FESTIVAL TRA I PROTAGONISTI DEL NERD SHOW

Un angolo di Giappone nel cuore della fiera, tra stand e workshop sulla traduzione del manga.

 

BolognaFiere apre le sue porte alla cultura pop contemporanea, con due giornate dedicate all’entertainment a 360 gradi: sabato 10 e domenica 11 febbraio spazio alla prima edizione bolognese del Nerd Show, con centinaia di ospiti ed eventi per gli appassionati di ogni età.

In questo contesto dedicato al divertimento e alle passioni più amate, non poteva certo mancare un approfondimento sul Giappone, terra d’elezione per i fan di manga e anime, dai titoli mainstream fino ai prodotti editoriali e audiovisivi più raffinati. Tra i protagonisti della manifestazione, si distingue la presenza di NipPop, realtà dal 2013 impegnata nella promozione della cultura giapponese contemporanea, attraverso l’analisi delle tendenze pop attuali.

Nel corso dei due giorni sarà possibile ricevere informazioni e materiali sulle attività rivolte alla promozione del Sol Levante ma non solo: gli amanti del fumetto giapponese potranno assistere a uno straordinario incontro, dal titolo “Gioie e dolori del traduttore di manga. Un’introduzione all’arte di tradurre il manga, e alle insidie dell’adattamento dal giapponese all’italiano”. Un’occasione unica per conoscere tutti i retroscena di questo lavoro complesso e affascinante, spesso ambito dagli studenti di giapponese e non solo, accompagnati dai traduttori Marco Franca e Davide Sarti con il coordinamento di Paola Scrolavezza e Gino Scatasta.

Il Nerd Show sarà anche l’occasione per presentare al pubblico l’ottava edizione del NipPop Festival: dal 18 al 20 maggio il Quartiere Santo Stefano ospiterà la manifestazione BORDERLANDS: A-TIPICO GIAPPONE. L’eccentrico e il queer incontreranno il pop, portando nel cuore della città tutte le sfumature della cultura contemporanea alternativa. Tre giorni di incontri, laboratori, eventi per accogliere con orgoglio la cultura ibrida, l’in-between identitario di sesso, genere ed etnia catturato e interpretato dalle arti visive. Vi aspettiamo al nostro stand, nel Padiglione 21!

I PROTAGONISTI DELL’INCONTRO GIOIE E DOLORI DEL TRADUTTORE DI MANGA

Marco Franca – Affascinato dal Giappone sin da piccolo grazie ai cartoni animati trasmessi in tv, Marco Franca studia giapponese all’Università Cà Foscari di Venezia per poi trasferirsi per un periodo a Tokyo, dove ha modo di perfezionarsi e arricchire le sue conoscenze. Al suo rientro in Italia decide quindi di trasformare la propria passione per manga, anime e videogames in lavoro, diventando dal 2009 traduttore per J-pop Manga ed Edizioni Starcomics. Nella sua esperienza ha avuto il piacere di curare titoli di autori quali Go Nagai (Devilman, Mazinger Z, UFO Robot Grendizer…), Masami Kurumada (Saint Seiya – I cavalieri dello zodiaco), Shinichi Sakamoto (The Climber, Innocent…), Atsushi Kaneko (Bambi, Wet Moon…) e Hiroaki Samura (Born to be on air).

Davide Sarti – Laureatosi presso l’università di Ca’ Foscari, dopo aver frequentato un semestre presso l’università di Tsukuba grazie a una borsa di studio del governo giapponese, lavora attualmente come traduttore di manga e di light novel, principalmente per Panini (Planet Manga). Fra i titoli che ha curato Fruits Basket, Le situazioni di Lui e Lei, Romantica Clock, Il filo rosso, le light novel de L’attacco dei giganti e il manga di Psychopass.

WWW.NIPPOP.ITWWW.NIPPOP-EVENTI.IT